#diariominimo 13/03/2020 L’ Italia (le) cantò

E ad un certo punto oggi la musica ha iniziato a spargersi nell’aria. Balconi, terrazzini, città per città….tutti così…core a core. C’era troppo silenzio nell’aria, è stata come una reazione potente, un fiume in piena che spinge contro la diga e poi scorre veloce tra vicoli e piazze. Ora ditemi, voi da quanto tempo non cantavate, così senza motivo? Così, senza pensiero, a finestre aperte…. E’ stato surreale ma bello. Così come è bella la…
Read More


#diariominimo 12/03/2020 Il Paese rallenta, non si ferma!

Non mi piace il clima di #rassegnazione a cui ci stiamo piegando. Non é esaltando le nostre giornate che risolviamo la faccenda. Un conto é il senso di #responsabilitàcollettiva per limitare il contagio, un’altra é il tono di disastro con cui continuiamo ad alimentare il racconto di queste giornate. E questo lo trovo pericoloso. C’è un pezzo di Italia che continua a garantire il funzionamento della #quotidianità. Basta ascoltarle con attenzione le cose, comprese le…
Read More


#diariominimo 11/03/2020 Virus e impatto digitale

Quello che colpisce è il silenzio.  In fila in silenzio, camminare per strada in silenzio. Comunque la teoria Darwiniana regge e ci stiamo adattando alla situazione, almeno da punto di vista comportamentale. La didattica a distanza è una piacevole scoperta. Pensavo che per tirare giù dal letto Alexey la mattina avrei dovuto fare ricorso a minacce gravi, peraltro preoccupata, perché l’unica che a volte funziona è quando lo minaccio di non farlo allenare a calcio e…
Read More


#diariominimo Ai tempi del coronavirus 10/03/2020

Primo giorno di regole ristrette anche per noi, gente di quel centro sud che fino a ieri si riteneva immune solo perché non bollata da un colore. Ieri ho dimenticato di comprare l’Ovomaltina. Nulla di che, nulla di necessario, é per Tatiana fa colazione così, l’unico modo per bere latte, e tra i tanti no di cui le riempio il tempo e le intenzioni, cedere a questo mi pare un piccolo gesto d’amore. Ieri però…
Read More


Ma te lo ricordi Woodstock?

15 agosto Bethel, New York. “Aquarian Exposition: 3 Days of Peace & Music” Woodstock iniziò così. Una parentesi di oblio nell’America del Vietnam. Oggi fa 50 anni. E non c’è immaginario collettivo che sia mai stato più riempito da tanta suggestione. Dicevi Woodstock ed era l’America! Gli Hippyes, l’età dell’Acquario, Jimmi Hendrix, il fumo, il sesso libero, la pioggia. Capelli ricci, vestiti colorati, bandane, corpi nudi. CHe magari, in fondo, poi non saranno stati tutti…
Read More


Sarà un anno bellissimo (cit.)

Il diavolo si annida nei dettagli, lo diceva sempre mia nonna. E mi è stato ancora più chiaro ieri sera, quando dopo mesi di imbarazzanti prove costume Salvini si è presentato sul palco di Sabaudia in camicia bianca e cravatta. Una cravatta, al mare, lui che non ci ha risparmiato nulla sul fronte di felpe, panze nude, dress code improbabili. Una cravatta, al mare, per dire che qualcosa si era rotto. Una cravatta, come qualsiasi…
Read More


Milano o Frosinone:Europa in cerca di futuro!

Per capire il dato politico delle Europee in Italia, bisogna fare un salto a Milano, e poi magari passando da Roma scendere fino a Frosinone … E sì perché è proprio il confronto di questi risultati che può dirci molto sul perché la Lega abbia ottenuto questi consensi in tutta Italia… Provo a spiegarmi. Il dato della Lombardia nel suo complesso vede la Lega al 43,44 % e il PD al 23,05% ma in completa…
Read More


Europa #-4

Europa! Cui prodest ? L’Europa l’ho vista da vicino nei miei cinque anni da Consigliera nella Regione Lazio. Ho visto da vicino la sua caparbietà e capacità di trasformarsi in programmi e da lì in azioni. Così come da vicino ho imparato a conoscere l’ombra nera di quel sovranismo che sta minacciando di cancellare anni di elaborazione politica, e chi con me sta seguendo la vicenda della Certosa di Trisulti sa bene di cosa parlo.…
Read More


Di Pasqua, pietre sepolcrali e divanetti rossi …

Lo scarto che corre tra ciò che appare e ciò che è, tra fenomeno e noumeno, tra la cosa pensata e la cosa manifesta … là si annida la nostra capacità di senso. In quello scarto sta la nostra capacità di non farci fare prigionieri, in quello scarto sta la nostra attitudine al coraggio. Che vordì?!? Tutto e niente …fate voi…interpretate…pensate … è tempo di Pasqua, di Resurrezione, di un Cristo che si fa figlio…
Read More


Maslow e quella scala che nessuno sale più….

E niente. La vita è fatta a scale dice il proverbio, chi le scende e chi le sale. Poi ci sono anche le piramidi fatte a scale, quella di Maslow ad esempio, individua nel 1954 la scala dei bisogni degli individui, e tanto più sono soddisfatti i bisogni primari tanto più si sale al vertice della piramide. Per dire, se soddisfo la necessità primaria del sonno, dell’alimentazione, del sesso, avrò modo di sentire l’esigenza di…
Read More


Chi ha paura del Potere

Il Potere non ha né fretta e né paura. Chi in questi tempi, in questo paese,  sta preparando la ridefinizione di una opposizione in grado di mandare a casa questo governo populista, dovrebbe smetterla di giocare alla politica e correre al cinema a vedere  Vice l’uomo nell’ombra. Non vi sto dicendo di andarlo a vedere perché racconta le gesta di un eroe, al contrario,  semplicemente vi chiedo di ripercorrere alla luce del Potere da lui…
Read More


Tanti cari auguri a te e famiglia

Ma c’avete fatto caso? Sembra solo a me, oppure pare che quest’anno anche il rito collettivo degli auguri, delle parole spese per fare buoni propositi, per dirci promesse di giustezza solidarietà e amicizia, ecco anche quelle parole quest’anno paiono un po’ timide? Quasi che a vedere lo sfascio che c’è tutto attorno le parole appunto preferiscano restare da una parte, a fa solo capoccella, per non correre il rischio di essere mischiate alla enormità de…
Read More


Dreaming America! …ma anche no…

Ed eccola qui Alexandra. Sorriso smagliante. Bella. Buca lo schermo. Insomma gli ingredienti giusti per scaldare i cuori…e  far pensare che sia facile sentirsi, se non essere, Ocasio per un giorno… Ha vinto le elezioni midterm americane.  Alexandria Ocasio – Cortez con i suoi 29 anni diventa la più giovane a entrare in Congresso. Nelle prime dichiarazioni una connessione tra la sua povertà e il sogno americano, perché puoi anche nascere dalla parte sbagliata della…
Read More


Big Ben ha detto stop

    Roba da The day after. Alberi che si accasciano al suolo come se niente fosse. Così all’improvviso vengono giù, guardi le radici, la circonferenza della loro base e ti chiedi come abbiano fatto a stare su tutti questi anni in piccole buchetti di cemento. Una tromba d’aria  a Terracina ha spazzato via  in un colpo solo, vite umane, la spensieratezza della pizzetta rossa al pomeriggio da Americo, i cavalloni e  quegli ultimi gelati…
Read More


Lavoro

Sviluppo Sostenibile! Parole buone ma pratiche difficili, che richiedono ostinazione. Poi l’ASviS (Agenzia per lo sviluppo sostenibile) presenta il suo rapporto per il 2018 e scopri che gli obiettivi di Agenda 2030 sono lontanissimi dall’essere raggiunti. Scopri che, a livello mondiale, se pure c’è un avanzamento sul piano delle energie rinnovabili e su quello della lotta all’uso indiscriminato della plastica, c’è una preoccupante inversione di tendenza su FAME, INSICUREZZA ALIMENTARE, DISEGUAGLIANZE, QUALITA’ DEGLI ECOSISTEMI, DANNI…
Read More


Aiutateli a casa loro!

Oh e mo basta! E daje e daje alla fine poi dice che uno sbrocca… Cioè, fatemi capire…voi ve state a fa lega’ per 177 disgraziati! Voi che avete votato un che ve doveva riscattare dai sorprusi dei potenti ‘sti bastardi, voi che negli ultimi 30 anni avete fatto il giro delle sette chiese a da’ i voti a destra e manca, in cerca der Bengodi e l’avete dato a chiunque (il voto), basta che…
Read More


“Se mi permette presidente…” (ovvero quando tutto ebbe inizio)

  “17 febbraio ‘ 92: Mario Chiesa, psi, presidente del Pio Albergo Trivulzio viene fermato dai carabinieri quando ha appena ritirato una tangente da 7 milioni da Luca Magni. E’ l’ avvio di Mani pulite e l’ allora sconosciuto Di Pietro dichiara: “Lo abbiamo preso con le mani nella marmellata”. Seguono altri arresti, decine di avvisi di garanzia, due condanne in primo grado per Bettino Craxi, latitante, chiamato in causa per la prima volta il…
Read More


Non pasturare la bestia

Dei morti non parlo, degli sfollati, delle vite spezzate, di un città in ginocchio non voglio parlare. Pudore per il dolore. C’è solo tanto da fare Aspettavo però la conferenza stampa di Giovanni Castellucci e di Fabio Cerchiai Ammnistratore Delegato e Presidente di Autostrade per l’Italia, conferenza convocata per il crollo di Genova che si è tenuta nel pomeriggio. Conferenza attesa, vista l’ondata di notizie dei giorni precedenti, giorni in cui,  come penso molti di…
Read More


In debito di politica #2

Dunque, débâcle totale. Abbiamo perso dappertutto. le amministrative parlano chiaro: la sinistra è stata spazzata via.  Débâcle annunciata, e forse anche attesa, vista la totale mancanza di cenni da parte di chiunque potesse fare qualcosa. Inermi, distaccati, scollati. Questo il quadro. E non penso che due risultati, per quanto eclatanti, e cioè la vittoria nei due municipi romani strappati ai cinque stelle da Caudo e Ciaccheri, possano da soli assorbire l’entusiasmo di tornare a vincere.…
Read More


In debito di politica

(Premessa: ho scelto come foto la copertina de L’Espresso perché ho trovato interessante il quesito netto e provocatorio che ha sbattuto in prima pagina) È così grazie ai 5 stelle, in questo paese siamo riusciti a dare il lasciapassare a uno come Salvini! Al grido di “apriremo le istituzioni come una scatoletta di tonno”, i penta stellati hanno fatto una marcia gloriosa, ma sono finiti come tonni nella rete di Salvini. Il più grande paraculo…
Read More


Divorare il cielo

Lasciare per un po’ il frastuono chiassoso delle bacheche e riemmergersi nella lettura con un libro potente: fatto! Bello. L’ultimo di Paolo Giordano Ritrovare e ritrovarsi in certe atmosfere assolate, silenziose dove il tempo è sospeso e dove l’anima galleggia ai bordi del precipizio. Mi piacciono i libri che non liquidano la speranza in una soluzione spiccia…e questo senza dubbio non lo fa. La giovinezza rimane sullo sfondo a trattenere ogni traccia di futuro. Una…
Read More


Il teatro di Sabbath (e di tutti noi…in memoria di P Roth)

Quando muore uno scrittore come Roth, muore una delle possibilità che ci è data di allungare uno sguardo sul mondo, di grattare un po’ sotto la crosta dell’orrendo teatrino sul quale scivoliamo quotidianamente…e così per fare memoria, sono andata a ricercare la recensione che scrissi su anobii, a giugno 2009, su quello che tra i suoi libri mi ha colpito di più. (…Ripubblicarla oggi ha un valore aggiunto, visti i tempi …) “Le linee d’ombra…
Read More


La Casa siamo Noi

Nel 1978, come compito di fine anno per le scuole medie, ci misero un registratore a tracolla e ci spedirono in giro per il quartiere a fare interviste su temi di attualità, a me assegnarono un’intervista sul femminismo. Erano anni ferventi e con quel microfono piantato sotto il mento delle persone ti sentivi dentro la storia che ti scorreva attorno. Avevo 13 anni. E intorno a me il mondo cambiava o almeno tentava di farlo.…
Read More


34 anni fa

Per capire l’atmosfera che in queste ore sta lentamente calando sulla città tu devi avere negli occhi e  nel cuore quella notte del 30 maggio 1984, altrimenti non puoi capire…. Era tutto pronto per la festa. Anche il concerto di Venditti, ma fu una partita strana. Sembrava dovesse essere la nostra notte. L’ arbitro svedese Fredriksson connazionale di Liedholm. La semifinale di ritorno con il Dundee che ci aveva fatto conoscere il calcio britannico. Non…
Read More


A piedi nudi nel parco

A piedi nudi, t shirt blu, sorridente, sguardo nella fotocamera, perfettamente a suo agio. Il Presidente Zingaretti rilascia un’intervista a Vanity Fair con piglio informale, mentre Di Maio si ingessa in un vestito sartoriale, cravatta, camicia bianca,  sale al Quirinale, si agita mentre perde terreno, risponde  a Porta a Porta eludendo le risposte e tenta di trasformarsi in un leader autorevole, istituzionale. La lettura più semplice ed immediata di quello che è successo dopo il 4 marzo…
Read More



Save Ghouta

 Un enorme frullatore. Questo mondo va così…tritura fatti vite ed emozioni. E allora, anche questa foto finisce per essere una delle tante che quotidianamente passano sotto i nostri occhi. Ma questa volta c’è un grido che va oltre i pixel. Trapassa gli schermi. Arriva dritta al cuore come una freccia. È un bambino. Solo un bambino. Ma ci sono volte, condizioni, luoghi, in cui essere un bambino è un diritto alienato. Non mi va di…
Read More


IO non sto tra gli integrati (ma poi a pensarci bene, neanche tra gli apocalittici mi trovo così bene)

Arrivati a questo punto della storia credo fermamente che per vivere il Natale occorrano gli occhi di un bambino. Bambino, bambinello, Gesù bambino…dovevano averlo capito perfettamente quei due se, pure con un low cost a bordo di un asino, decisero di far nascere ‘sto figlio il 24 notte. (“Figlio”, perché la previsione dell’angelo fu più precisa di un ecografo: di maschio parlò e maschio fu). Il Verbo si fece Carne…decisa e testarda Maria obbedì. Co’…
Read More


Cara Ideal Standard, la responsabilità non puoi buttarla nel cesso

Se c’è una cosa a cui non sono riuscita ad abituarmi in questi cinque anni, è quel senso di vuoto e nodo che mi prende quando sto per incontrare chi ha perso un lavoro, chi lo cerca, chi sopporta sulla sua pelle scelte prese da altri. E per il territorio che rappresento e da cui provengo, ne ho  fatta di palestra…una crisi dietro l’altra e il dramma occupazionale ha sempre più contorni familiari, volti e…
Read More


Contr…ordine compagni

Cronaca. L’Ideal standard chiude i battenti, annuncia il licenziamento di circa 500 persone. Accade nel basso Lazio. L’ Fca con un sms interrompe il rapporto interinale con 530 ragazzi/e. Accade nel basso Lazio. La SAF (Società per il trattamento dei rifuti) elegge il suo nuovo Presidente. Accade nel basso Lazio. Non c’è una relazione tra le tre cose, ma tutte affondano nella stessa assuefazione. Ora però, se un territorio in cerca di futuro, non riesce…
Read More


Un pesce di nome Wanda (storie di coraggio e libertà )

Oggi abbiamo deciso di liberare Wanda. É oramai quasi sei anni che nuota avanti e indietro in una vaschetta, da sola, dopo aver pianto la scomparsa del compagno Pietro che se ne é andato oramai due anni fa. Eravamo seduti tutti e tre e l’abbiamo guardata…quell’andare su e giù giù e su senza sosta ci ha intristito e così sabato prossimo la libereremo nel fiume. Ale ha avuto un picco di egoismo resistendo all’idea, ma…
Read More


L’ultimo bacio

(Ndr Quello che state per leggere è un post politico) Vabbè! Ci siamo ribellati, ci siamo  arrabbiati, ce ne siamo andati, ci siamo separati, ci siamo rinchiusi, poi ci siamo aperti, poi ci siamo ritrovati ma mezzi litigati, poi abbiamo fatto pace ma con i distinguo, però stiamo insieme, ma comunque manco più un like sulle bacheche sennò pare che poi cedo un po’. Dice che oggi è pure la giornata del bacio e si…
Read More


Il paradosso della carbonara, la corazzata Potiomkin e il piano solo di Ahmad

Oggi muore il rag. Fantozzi, o meglio muore Paolo Villaggio, e il senso del paradosso corre veloce, se solo pensi che le cose che irridevamo e su cui ridevamo 30 anni fa, oggi sarebbero un risultato ambito,  “la casa di proprietà, la macchina, il posto fisso e lo stipendio sicuro”. (cit.) Il paradosso …non chiedetemi perché ma la mente è andata subito alla foto di una carbonara, che ho visto qualche giorno fa  su una…
Read More



Totò

“Io ho detto al bambino di mettersi in un angolo, cioè vicino al letto, quasi ai piedi del letto, con le braccia alzate e con la faccia al muro. Allora il bambino, per come io ho detto, si è messo faccia al muro. Io ci sono andato da dietro e ci ho messo la corda al collo. Tirandolo con uno sbalzo forte, me lo sono tirato indietro e l’ho appoggiato a terra. Enzo Brusca si…
Read More


Tertium non datur- (Qui Parigi Francia Europa !)

E bravi I diavoli!  Alla ricerca di una lettura dei fatti che non fosse didascalia mi son imbattuta su questo commento. Loro sono gli autori di un libro che ho letto qualche anno fa e che ora è diventato altro… Vale la pena leggerlo, perché c’è un sommovimento in atto che fa fatica a stare negli angusti confini delle categorie che abbiamo a disposizione. L’ essenza stessa di politica pare snaturata. C’era una volta la…
Read More


photo by Marzia Bianchi

E tu? Che Progressista sei?

La sfida la lancia Massimiliano Smeriglio su Huffington Post : Progressista. Basta la parola? una grande discussione pubblica, aperta, senza remore e paure, capace di attraversare il Paese, sulla costituzione materiale del campo progressista e democratico che dovremmo organizzare nei prossimi anni in Italia e in Europa. Mettere in comune il pensare e non solo il pensiero è il primo passo nella giusta direzione. Una cosa è certa. Quello che viviamo non è né più né…
Read More


A modo mio, a modo nostro, #campoprogressista

So bene che ciascuno di noi, da fronti diversi, ha vissuto lo smarrimento politico di questi ultimi tempi. Diciotto mesi fa, quando io feci la scelta di lasciare il PD, nell’aria si respirava già la necessità di un orizzonte politico ampio, visionario, coinvolgente. Ma non siamo riusciti ad interpretarlo. Ci siamo persi negli schemi consolidati, abbiamo lasciato che le prassi oramai logore prendessero il sopravvento. Ma l’orgoglio, la tigna e il coraggio sono duri a…
Read More


Futuro Prossimo

Il disincanto la fa oramai da padrone. E non è stato facile stringere i denti in questi lunghi lunghissimi mesi, in cui sembrava che l’intuizione iniziale di un’area progressita a sinistra si fosse definitivamente smarrita tra radicalismi e vecchi paradigmi. Un anno e mezzo fa…tanto è passato…da quando ho deciso, uscendo dal PD renziano, che doveva esserci per forza un altro modo, un’altra strada. Mi va di ricordare oggi quanto scrivevo nel 2015 “Qui c’è…
Read More


Il calcio totale e il modello rizomatico

“Siamo bravissimi a raccontare il film della crisi di questi anni, ma non sappiamo ancora raccontare un finale di speranza”. Crudo netto conciso. Gianni Cuperlo interviene all’iniziativa nazionale SI Apre e con un fluire calmo e chiaro posiziona la questione centrale della politica a sinistra. E lo fa citando un racconto sul calcio come metafora. E’ il 74 e agli europei improvvisamente irrompe l’Olanda, una rivoluzione. Giocano un calcio che non si era mai visto,…
Read More


Il coraggio del dissenso

C’è una scena nel film C’eravamo tanto amati (film che amo), che ricordo ogni qual volta nella vita mi capita di rompere uno schema. Ed è quella in cui Nino Manfredi prende a pugni un attonito Vittorio Gasmann al grido di “e se semo stufati de esse boni e gentili!!!” L’ho sempre vista come la scena madre del riscatto degli onesti, dei responsabili, che dopo anni e anni in cui hanno sopportato con dignità, alla…
Read More


E stanotte ho sognato Matteo che sudava …

Dovevo aspettarmelo. E’arrivato questa notte, all’improvviso, novello Paul Krugman ad invadere lo spazio del mio sogno. D’altra parte era rimasto solo quello di spazio inesplorato dalla pervasività del messaggio.  Eravamo in tanti, assembrati in uno spazio angusto e Renzi sudava, parlava, gesticolava, ad un certo punto mi fa un segno, mi chiede di avvicinarmi a lui, era in cattedra …mi sono guardata intorno per capire se ce l’aveva proprio con me, non c’era dubbio …e…
Read More


“Sorprendente, bastarda, stronza, bellissima democrazia”

Tutto qui. Democrazia. Nel suo pieno significato. Do you know “popolo”?!? C’è chi dice che la data di ieri, con l’elezione del 45• Presidebte degli Stati Uniti d’America, ha decretato la fine dei partiti così come li abbiamo conosciuti dal 1900. E’ che noi abbiamo smesso di guardare. Semplicemente. Presi dalle nostre verità, valgono solo i confronti con chi è disposto a riconoscerle. E così, sostituendo le narrazioni alle storie vere, abbiamo creato la cesura…
Read More


Fu vera riforma? (#mediocrazia1)

Manca solo l’invasione di cavallette, poi le paure le abbiamo evocate tutte! Distruzione, terrore, fine del mondo, i cavalieri dell’apocalisse e il diluvio universale…c’è tutto sul tavolo…e a spazzarle via, come nel migliore plot narrativo, arriva il Cavaliere Bianco … (quello nero non lo evoco perché poi potrebbe tornarvi alla mente Gigi Proietti, e invece questo è n post serio…!!!) Naturalmente sto parlando del referendum. Cercavo un focus per pronunciarmi su questo argomento. Perché in…
Read More


Sfide

Ancora una volta nomine. Ancora una volta i Consorzi Industriali utilizzati come contenitori per prove di forza.  A proposito della nomina del direttore generale del Cosilam, non posso che stare dalla parte del Presidente Pigliacelli, che invoca una scelta effettuata su meriti e su comprovata  capacità di governance. Non fosse altro che da qui passa l’attuazione delle politiche industriali di un intero territorio. Inutile dire che da tempo auspico e invoco un aggiornamento di questi…
Read More


I have a dream

Ed ora venitemi a dire che le Olimpiadi non servono. Emozionati come pochi all’impresa di Alex Zanardi, che conferma una serie infinite di cose che a leggerle sui social sembrano le frasi di Osho, ma che nella sua tenacia diventano d’improvviso  scuola di vita. Ancora con il cuore commosso per la spada di Bebe Vio. Bella come il sole nella sua pervicace convinzione che anche se le parti amputate non potranno mai ricrescere, si può rinascere a…
Read More


Oh quante belle figlie Madama Dorè

Vabbè e mo’ che a tutti i comunicatori s’è smorzato l’orgasmo tantrico del trend topic #fertilityday,  possiamo parlarne con un po’ di calma? Perché poi pure ‘sta storia che continuiamo a relegare le politiche pubbliche a slogan o a campagne di comunicazione ben confezionate e ne misuriamo la riuscita con un “se ne parla ovunque”...trend topic appunto… è veramente sconfortante. Non fosse altro per il fatto che mentre impazzava il dibattito sulla femmina fattrice in…
Read More


W l’Italia

E ora che i morti sono tutti seppelliti, ora che il silenzio può spegnersi, le parole tornano. In  questi giorni che seguono il terremoto, ho avuto un sentimento muto di rispetto per il dolore, e riconoscenza per la grande prova di compostezza e solidarietà. Qualcuno dice che la solidarietà si è fatta Stato, io dico che forse abbiamo imparato dagli errori passati, forse siamo più attenti o molto più semplicemente in questa immane tragedia, che…
Read More


IO vorrei ma non posto …(di vacanze ed altri riti)

E tu dove vai in vacanza? Volevo fare un pezzo su dove vanno i politici in vacanza” Ma perché? Davvero interessa alla gente?!? Ma che è ‘sto vojuerismo!!! Un rendere conto, falsato da ciò che si vuole apparire agli occhi dell’elettorato….Oscillante tra i letti a castello di chi deve a tutti i costi fare finta di essere low profile (consulenze stratosferiche a parte…), la mappatella da spiaggia di chi “uno come voi“, l’albergo extra lusso…
Read More


Che muoia Roma con tutti i filistei?

Sì è vero, i risultati elettorali  dicono chiaro che è un disastro. La gente è incazzata e non è più disposta a credere a niente…figuriamoci  che gliene può fregare di discussioni infinite su classi dirigenti indicazioni autonomie e centralismo democratico. E proprio perché la gente è incazzata, invece di stare lì,  tra le persone, magari a prendersi pure gli schiaffi pur di provare a raddrizzare il corso delle cose, questa  strana creatura che è Sinistra Italiana ha…
Read More


#diariominimo 15/03/2020 The Pope

Poco da dire. La domenica si è consumata lentamente. L’isolamento non é tanto il tempo vuoto, perché poi quello si riempie da sé, tra Alexey che fa prove di chitarra, mellofono ed ogni altro strumento buono a tirare fuori note e musica, e Tatiana che inventa, crea, colora. Oggi lei ed io indossiamo una bandana, stile pirata dei Caraibi, a lei sta decisamente bene, a me serve per contenere i ricci che vanno come vogliono…
Read More